Servizio Mense Scolastiche

Servizio mense scolastiche

 

La ditta

L’appalto per il servizio è stato affidato alla Ditta Serenissima spa. Per conoscere la ditta clicca al seguente link.
Il Centro Cottura si trova a Viterbo, Loc. Poggino.

 

Preparazione pasti e confezionamento

I pasti vengono preparati quotidianamente presso il Centro Cottura dai cuochi e dal personale di supporto.

  •  il pane fresco arriva al centro cottura, tutte le mattine in filoni già affettati e confezionati, e in monoporzione a fette; viene poi diviso in base al numero di utenti di ogni scuola e posto in sacchi trasparenti monouso, disposti successivamente in casse utilizzate per il trasporto. Su ciascuna cassa viene applicata l’apposita etichetta riportante il nome del plesso scolastico (terminale di consumo) cui il contenitore è destinato;
  • la frutta giunge al centro cottura in media due volte la settimana. Quotidianamente viene contato il numero di pezzi destinato ad ogni scuola, se necessita, lavata e poi messa in sacchi trasparenti monouso, disposti successivamente in casse utilizzate per il trasporto. Su ciascuna cassa viene applicata l’apposita etichetta riportante il nome del plesso scolastico (terminale di consumo) cui il contenitore è destinato;
  • il dolce preparato una volta a settimana (in genere si tratta di un ciambellone con o senza cacao) viene distribuito il giorno seguente già affettato e disposto in vaschette in polipropilene termosaldate ed etichettate;
  • la pasta o il riso, dopo essere stati scolati, vengono conditi esclusivamente con olio extra vergine di oliva e chiusi in vaschette in polipropilene termosaldate ed etichettate;
  • il sugo o il brodo, da unire alla pasta o al riso al momento del porzionamento presso le scuole, viene confezionato in vaschette in polipropilene termosaldate ed etichettate;
  • la pasta al forno e lo sformato di patate vengono cotti nei contenitori di alluminio monouso; dopo la cottura le vaschette di alluminio vengono chiuse con il loro coperchio ed etichettate;
  • i secondi freddi (prosciutto e formaggi) vengono affettati, pesati e confezionati in vaschette in polipropilene termosaldate ed etichettate con indicato il n° dei pezzi, fette/bambino; le mozzarelline contate per n° pezzi/bambino vengono chiuse in vaschette in polipropilene termosaldate ed etichettate con indicato il numero di mozzarelline/bambino; i secondi caldi (polpette di carne o pesce, bastoncini di pesce, spezzatino, straccetti, scaloppine, frittata ecc…), controllate le grammature, vengono confezionati caldi, in vaschette in polipropilene termosaldate ed etichettate con indicato il n° dei pezzi/fette/bambino;
  • tutti i contorni conditi con olio extra vergine di oliva e sale, vengono confezionati in vaschette in polipropilene termosaldate ed etichettate;
  • il parmigiano reggiano grattugiato è aggiunto al sugo prima dell’invaschettamento; fa eccezione la pasta in bianco che viene condita con il parmigiano reggiano grattugiato al momento della distribuzione.
 
L’etichetta personalizzata dalla ditta, con l’indirizzo del centro cottura, apposta sulle vaschette riporta la data, la tipologia degli alimenti, il numero di porzioni ivi contenute. Nella preparazione dei pasti non sono ammessi fritti, oli vegetali, prodotti in scatola (ad eccezione del tonno), prodotti congelati, prodotti ricostituiti (ventagli, cuori di pesce, etc. surgelati o congelati), maionese, formaggi fusi (es. formaggini, sottilette e simili), formaggi contenenti sali di fusione (es. preparati per pizza), dado da brodo o preparati contenenti glutammato, conservanti ed additivi chimici, né sono ammessi: verdure, carni, paste, pesci e pane semilavorati e/o precotti.

I pasti destinati a bambini che seguono particolari diete sono preparati e confezionati in vaschette monoporzione di alluminio ed etichettati separatamente dalle operatrici che si occupano esclusivamente della realizzazione dei suddetti. Le operatrici lavorano in spazi separati ed utilizzano utensili da cucina e altro materiale destinato esclusivamente a queste preparazioni. Anche per il trasporto, i contenitori utilizzati sono di forma e di colore diverso rispetto a tutti gli altri.

 

Trasporto

Le vaschette dei primi, dei secondi, dei contorni e del dolce, vengono chiuse in contenitori termici (per il caldo o per il freddo) (Polibox GN1) che assicurano il mantenimento della temperatura (perdita di circa 3 °C di temperatura ogni ora).
Su ciascun contenitore viene applicata l’apposita etichetta riportante il nome del plesso scolastico (terminale di consumo) cui il contenitore è destinato.
I contenitori termici vengono smistati su appositi furgoni per il trasporto verso le scuole.
Tutti i furgoni sono muniti di autorizzazione sanitaria per il trasporto di alimenti e conformi alle normative vigenti.
La ditta provvede periodicamente alla sanificazione dei mezzi e dei contenitori, in modo tale che il trasporto non determini insudiciamento o contaminazione degli alimenti trasportati.
Gli autisti provvedono ad una prima consegna alle scuole materne dove il pasto viene servito alle ore 12 circa; tornano poi al centro cottura a prendere il pasto destinato alle scuole elementari e medie che mangiano alle 13 circa.
Dal centro cottura partono inoltre contenitori chiamati “scorte” (uno per ogni autista), contenenti gli stessi prodotti del menù del giorno (primo, secondo, contorno e dolce se previsto), utilizzati per far fronte alle richieste delle scuole per eventuali insufficienze.
Il servizio assicura l’arrivo della “scorta” in un arco di tempo di 10-15 minuti dalla chiamata.

 

Menù

Sulla base di quanto previsto dal capitolato e relativi allegati scaricabili in fondo alla pagina, i menù vengono realizzati in collaborazione tra la ditta, l’organo di controllo del Comune, la ASL e la supervisione di un pediatra.
Prima della loro distribuzione presso le scuole, tutti i menù vengono approvati dalla ASL.
La gestione del servizio di ristorazione scolastica del Comune di Viterbo , prevede menù alternativi con primo piatto in bianco per necessità temporanee, per il quale non occorre certificato medico e diete speciali per studenti con particolari patologie documentate da certificato medico attestanti in modo dettagliato gli ingredienti da utilizzare nella preparazione delle pietanze. Sono previsti inoltre menù differenziati per scelte religiose.

 

Il buono pasto

Il buono pasto comprende un servizio completo di primo piatto, secondo piatto, contorno, pane, frutta (sbucciata o spremute per le scuole materne e per le prime elementari) o dolce serviti su tavoli apparecchiati con tovagliette all’americana e tovaglioli di carta, posate, piatti e bicchieri monouso. Viene distribuita acqua minerale. Di seguito è possibile scaricare un documento esplicativo con le modalità di acquisto del buono pasto.

 

torna all'inizio del contenuto