Eventi

6 Ottobre 2021

La bella memoria. Viterbo ricorda Luigi Petroselli a 40 anni dalla sua scomparsa

“Luigi Petroselli, la bella memoria”, in sala Regia, a Palazzo dei Priori, domani 7 ottobre alle 11. A quaranta anni dalla scomparsa, Viterbo ricorderà l’illustre concittadino e amato sindaco di Roma. Interverranno il sindaco Giovanni Maria Arena e il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, insieme al presidente della Provincia di Viterbo Pietro Nocchi, il consigliere regionale Enrico Panunzi e l’autrice della biografia “Luigi Petroselli”, Angela Giovagnoli.

In apertura, sarà proiettato il corto “Noi che amiamo la vita”, la cui regia è di Andrea Rusich. L’evento potrà essere seguito in diretta sulla pagina Fb Comune di Viterbo Informa.

Luigi Petroselli morì all’improvviso a 49 anni, al termine di un accorato intervento al comitato centrale del Pci. Era stato eletto sindaco di Roma, al suo secondo mandato, da appena un mese, dopo aver guidato la città per due anni.

L’”etrusco” Petroselli ha lasciato in eredità una città orientata verso il futuro, sicuramente più umana e ricca di un rigenerato senso di comunità. Politico e uomo di alti valori, tenace, sensibile e affettuoso tra la gente come nel privato, è considerato ancora oggi il sindaco di Roma più amato e modello di riferimento per tanti amministratori.

“Luigi Petroselli ha lasciato un bellissimo ricordo nella sua città di origine e anche nella Capitale che per anni ha guidato – ha sottolineato il sindaco Giovanni Maria Arena -. Un uomo vicino alla sua gente, dotato di grande umanità. D’accordo con la sua famiglia, in questo quarantesimo anniversario dalla sua scomparsa, abbiamo deciso di organizzare un evento in Comune. Un appuntamento per onorare la sua memoria e ricordare l’uomo che è stato, come cittadino, come uomo, come politico e amministratore”.

Con l’evento del 7 ottobre, curato dall’Associazione culturale Filmstudio Tre e patrocinato dal Comune di Viterbo, dalla Provincia di Viterbo e dalla Regione Lazio, si vuole infatti ricordare uno dei più illustri cittadini viterbesi, anche con una riflessione sull’esperienza politica e umana nella sua città d’origine.

Il corto “Noi che amiamo la vita” è un piccolo diario di una generazione. È il racconto di un giovane “fotogenico, sorridente e pieno di fiducia per l’avvenire” che dai banchi del consiglio comunale di Viterbo arriva a pensare il futuro della Capitale d’Italia con lungimiranza e visione allargata. “Quella di Luigi Petroselli – dice Rusich – è una fotografia in bianco e nero che ripercorre le tappe di un passato che è diventato la nostra storia”.

Luigi Petroselli fu eletto sindaco di Roma il 27 settembre 1979, dopo le dimissioni dello storico dell’arte Giulio Carlo Argan, fu confermato alla guida del governo della Capitale il 17 settembre 1981. Nelle elezioni per il consiglio comunale, aveva raccolto 130mila voti di preferenza. La sua esistenza si spezzò all’improvviso il 7 ottobre, a conclusione di un intervento al comitato centrale del PCI. Appena due anni. Eppure Petroselli lasciò un’impronta indelebile nella storia politica e amministrativa di Roma. “La grande metropoli può non essere il ‘male’ – affermava – se il suo sviluppo riesce a rifondarsi su una crescita civile e culturale di massa e sull’instaurazione di nuovi rapporti tra gli uomini”.

Lavorò all’“unificazione della città intorno a nuovi valori”, dal centro alla periferia, attraverso il recupero e la riqualificazione delle parti più degradate, il reinserimento e l’integrazione dei ceti più emarginati. E affrontò grandi sfide culturali, come il progetto per la realizzazione del Parco archeologico dei Fori Imperiali: uno straordinario patrimonio dimenticato diventava elemento di trasformazione della città moderna.
Petroselli aveva maturato la sua esperienza politica e amministrativa a Viterbo.

Nel capoluogo della Tuscia nasce il 1° marzo 1932 da Giulio, tipografo antifascista, ed Eufemia Fratini. Dopo la scuola primaria, decide di entrare nel seminario diocesano, che lascia al compimento del V Ginnasio. Frequenta quindi il liceo classico statale. Nel 1950 prende la tessera del PCI. Si iscrive alla facoltà di Lettere e filosofia presso l’Università di Roma, proseguendo l’impegno nel partito.
All’intensa attività politica si affianca l’esperienza nelle istituzioni: è consigliere comunale nella città di Viterbo dal 1961 e consigliere provinciale dal 1963. Lucidi e appassionati i suoi interventi contro l’abnorme espansione urbanistica nella città dei papi, che condannava il centro storico all’abbandono, e per la gestione pubblica dell’acqua.
Nel 1966, nell’11° Congresso nazionale, viene eletto nel comitato centrale del PCI. Nello stesso anno, in Campidoglio, si unisce in matrimonio con Aurelia Sergi, siciliana, insegnante di matematica e scienze.
Da segretario di una piccola federazione come quella viterbese passa a dirigere il comitato regionale del Pci, a 37 anni, al posto di Enrico Berlinguer.
Nel 1976 è capolista a Roma e nel 1979, il 27 settembre, diventa sindaco della Capitale del Paese. Un percorso prestigioso, grazie alle sue qualità, che gli consentono di conquistare autorevolezza e consenso. Dedica tutte le sue energie, senza risparmio, all’impegno per rendere concreta una nuova idea di Roma.
Muore “sul lavoro” a soli 49 anni. La partecipazione ai funerali, prima a Roma poi nella sua città natale, è immensa.
Se il ricordo di Luigi Petroselli è ancora vivo, lo si deve alle sue intuizioni, al suo impegno non comune, all’esempio di una vita vissuta sempre, da uomo libero, al servizio della comunità. Con umiltà e un senso delle istituzioni profondo. L’evento si svolgerà nel pieno rispetto delle vigenti normative anti Covid-19.

Ultimi articoli

News 19 Ottobre 2021

Emergenza Covid, consegnate benemerenze alle organizzazioni di volontariato di protezione civile del territorio comunale

Benemerenze civiche alle organizzazioni di volontariato di protezione civile del territorio comunale impegnate nell’emergenza Covid-19.

News 19 Ottobre 2021

Verifiche quinquennali speciali ascensori Valle Faul, impianti fuori servizio dalle ore 9.30 alle ore 14 di domani 20 ottobre

Verifiche quinquennali speciali agli ascensori di Valle Faul domani 20 ottobre.

Eventi 19 Ottobre 2021

Giacomo Menegardi, Enrico Bronzi e il Quartetto d’Archi Noûs al festival “I bemolli sono blu-Viterbo in musica”

Il tutto esaurito è prassi per i concerti di musica classica del quinto Festival “I Bemolli sono Blu-Viterbo in Musica” (29 settembre-19 novembre 2021), ideato e diretto dal maestro Sandro De Palma per l’Associazione musicale Muzio Clementi.

News 18 Ottobre 2021

Partita di calcio Viterbese 1908-Siena, attenzione alla viabilità

In occasione della partita di calcio Viterbese 1908-Siena, in programma domani 19 ottobre allo stadio comunale Enrico Rocchi, come da ordinanza n.

torna all'inizio del contenuto