Distretto Sociosanitario VT3 

   

Il Distretto di Viterbo VT/3 comprende i comuni di: Viterbo (comune capofila), Bassano in Teverina, Bomarzo, Canapina, Celleno, Orte, Soriano nel Cimino e Vitorchiano. L’area territoriale si estende per circa 681 Kmq. Con una popolazione complessiva (secondo gli ultimi dati ISTAT disponibili) di 95.575 abitanti, concentrati prevalentemente su Viterbo (65.911 ab.) che, oltre ad essere il centro più grande è anche il capoluogo di provincia.

Oltre il Comune capoluogo i rimanenti sette comuni si estendono nell’area dei Monti Cimini fino ad arrivare alla valle del Tevere. Nel territorio sono presenti due snodi ferroviari (Viterbo ed Orte), dove è situato anche lo svincolo autostradale. Il collegamento stradale tra i paesi del Distretto è costituito da strade provinciali, comunali e vicinali, la cui distanza non supera i trenta chilometri. Il tipo di economia predominante, in almeno sei comuni, è a carattere agricolo, mentre nel comune di Viterbo, oltre all’agricoltura, operano aziende artigiane, industrie, attività commerciali e negli ultimo anni è notevolmente cresciuta l’attività turistico-culturale. Inoltre Viterbo è sede dell’università della Tuscia.

Ai sensi dell’art.43 della L.R. 11/2016 – Sistema integrato degli interventi e dei servizi sociali della Regione Lazio – Il distretto socio-sanitario costituisce l’ambito territoriale ottimale all’interno del quale i comuni esercitano in forma associata, utilizzando le forme associative di cui al titolo II, capo V, del d.lgs. 267/2000 e successive modifiche, le funzioni e i compiti di cui all’articolo 35, commi 2 e 3 ed è individuato con deliberazione della Giunta regionale, a seguito della consultazione della Conferenza locale per la sanità di cui all’articolo 12 della legge regionale 16 giugno 1994, n. 18 (Disposizioni per il riordino del servizio sanitario regionale ai sensi del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modificazioni e integrazioni. Istituzione delle aziende unità sanitarie locali e delle aziende ospedaliere), in coerenza con l’articolazione dei distretti sanitari definiti ai sensi dell’articolo 19, comma 6, della l.r. 18/1994.

Il distretto socio-sanitario è la dimensione territoriale in cui si integrano, ai sensi dell’articolo 3 septies del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502 (Riordino della disciplina in materia sanitaria, a norma dell’articolo 1 della L. 23 ottobre 1992, n. 421) e successive modifiche, le prestazioni sociali a valenza sanitaria, erogate dai comuni in forma associata, e le prestazioni sanitarie a valenza sociale ed ad elevata integrazione socio-sanitaria, erogate dal distretto sanitario. Il Comitato composto dai sindaci dei comuni aderenti alla convenzione, individuano il comune o l’ente capofila del distretto socio-sanitario.

Ufficio di Piano del distretto VT3
Tel. 0761/348550 – 348587 – 348590
mail: ufficiodipiano@comune.viterbo.it

 

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto