News

16 Novembre 2020

FAQ – Avviso pubblico per la concessione di contributi a fondo perduto a sostegno delle attività economiche in conseguenza delle misure adottate per la gestione e il contenimento dell’emergenza Covid-19

D: Su una unica domanda si può partecipare a entrambe le linee di contributo?
R: Sì, basta compilare il modulo in entrambe le parti e allegare tutti i documenti richiesti. Per un contributo massimo di 1000,00 euro totali.

D: Quante domande si possono inviare?
R: Una per ogni punto vendita.

D: Se non si dispone della firma digitale?
R: Si può firmare graficamente e inviare con allegato documento di identità del legale rappresentate attraverso PEC personale o PEC di un soggetto munito di procura speciale per l’invio.

D: Se non si è in regola con i versamenti dei tributi comunali, si può partecipare all’avviso?
R: Si, in questo caso si provvederà affinché l’importo del contributo concesso venga decurtato dall’importo del debito. L’importo decurtato sarà versato per sanare  il debito stesso che sarà estinto.

D: Se si ha un debito a favore del Comune di Viterbo, si può partecipare all’avviso?
R: Si, in questo caso si provvederà affinché l’importo del contributo concesso venga decurtato dall’importo del debito. L’importo decurtato sarà versato per sanare  il debito stesso che sarà estinto.

D: Se si è morosi nei confronti del proprietario dell’immobile, si ha comunque diritto al contributo di massimo 1000,00€?
R: Si, in questo caso il pagamento del contributo concesso sarà effettuato al proprietario a copertura della morosità, previa dichiarazione ed accettazione di quest’ultimo.

D: Si possono dichiarare spese che ancora non sono state sostenute o quietanzate?
R: Si, purché prima della liquidazione del contributo venga presentata il documento contabile regolarmente quietanzato entro il 31.12.2020.

D: L’importo da indicare nella domanda a pagina 1 e’ da intendersi totale o al netto di eventuali contributi già concessi per il relativo costo ammissibile?
R: L’importo va indicato al netto di eventuali contributi già concessi da altri enti.

D: Relativamente alle utenze, vanno prese in considerazione per data di fattura o per competenza? Esempio: la fattura datata marzo si riferisce ai consumi del mese di febbraio così come la fattura di giugno si riferisce ai consumi di maggio.
R: Le fatture vanno inserite per competenza, quindi si dovranno inserire le fatture relative ai consumi di marzo aprile e maggio.

D: Un negozio gestito da una società la quale ha la sua posta certificata, ma NON ha la firma digitale , la domanda per il contributo può essere inviata dalla PEC della società con firma grafica (quindi NON digitale) dell’amministratore della società? Precisiamo che il suddetto amministratore NON possiede la PEC personale.
R: Si può inviare la domanda, firmata graficamente dall’amministratore e inviarla con allegato documento di identità dell’amministratore stesso, dalla PEC della società di cui è l’amministratore.

D: Dovendo effettuare la domanda per più punti vendita e per la medesima società, l’invio delle stesse e degli allegati può essere inviato con un’unica trasmissione, o si dovrà provvedere con distinte pec per ogni domanda?
R: Non è possibile inviare più domande con una unica trasmissione ma sarà necessaria una trasmissione per ogni domanda.

D: Sono da considerarsi come “utenze” ricopribili dal contributo luce, acqua e telefono?
R: Sì.

D: Se la richiesta è presentata esclusivamente per un contributo a copertura spese utenze, tra i documenti da allegare, rientra comunque il contratto di affitto o sono sufficienti copie delle fatture utenze e quietanze?
R: No, se chiede le utenze , sono sufficienti copie delle fatture utenze e quietanze.

D: Tra i contributi di adeguamento normativa covid possono essere ricomprese spese per sanificazione di ambienti?
R: Assolutamente sì.

D: Rientra nelle utenze anche la bolletta della luce?
R: Sì ma quelle relative ai consumi di marzo aprile maggio 2020.

D: Può rientrare l’Imu?
R: No l’Imu non è una utenza. 

D: Per quanto riguarda la tari come deve essere considerata?
R: La tari non è una utenza e non può essere inserita

D: Buongiorno, vorrei sapere a chi è indirizzato l’avviso “CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO ATTIVITÀ ECONOMICHE”?
R: Possono fare domanda tutte le attività economiche che operano a Viterbo il cui codice ATECO risulta sospeso o chiuso anche parzialmente, dai DDPCM del 11 e 22 Marzo 2020.
Esempi a titolo esemplificativo e non esaustivo: Commercio al dettaglio in sede fissa non alimentare nell’ambito degli esercizi di vicinato (sino ai 250mq, abbigliamento, giocattoli, arredo, prodotti per la casa, oggettistica etc); Servizi di ristorazione (ristoranti, pub, pizzerie, bar, gelaterie, pasticcerie, etc); Servizi per la cura della persona (barbieri, parrucchieri, istituti di bellezza e centri benessere, palestre attività di tatuaggi etc); Artigianato artistico (orafi, restauratori, calzolai, arrotini, laboratori artistici di vetro, rame etc); Agriturismi ed attività ricettive organizzate sotto forma di impresa.

 

Il presente documento sarà integrato e aggiornato con ulteriori faq.

Ultimi articoli

News 20 Ottobre 2021

Post Covid, il 1 novembre la riapertura dei centri sociali polivalenti del territorio comunale

Riaprono i centri sociali polivalenti. Dal prossimo 1 novembre le strutture del territorio comunale potranno tornare a ospitare i nostri anziani.

Eventi 20 Ottobre 2021

L’Avventura Farnesiana a Viterbo in mostra al Museo della Ceramica della Tuscia

Venerdì 22 ottobre 2021 alle ore 17.30, presso il Museo della Ceramica della Tuscia, verrà inaugurata la mostra dal titolo “I Farnese a Viterbo”.

Eventi 20 Ottobre 2021

Torna il mercatino regionale francese. Dal 29 ottobre al 1 novembre in piazza dei Caduti

In questo particolare periodo in cui tutti auspichiamo un ritorno alla normalità, una nuova edizione del Mercatino regionale francese, con i suoi profumi, sapori e colori d’oltralpe sarà ospitata, dal 29 ottobre al 1 novembre, a Viterbo in piazza dei Caduti.

torna all'inizio del contenuto