Eventi

17 Luglio 2021

Domenica 18 luglio nell’area Antiche Terme “Amor che tutto move”. Omaggio a Dante per ricordare 700 anni della morte

56esima stagione di spettacoli – Tramonti in scena. Lo spettacolo avrà inizio alle 19,30. Alle 18,30 visita all’area archeologica dell’antica città di Ferento.

“Amor che tutto move” è lo spettacolo in programma domenica 18 luglio (inizio ore 19,30) all’area Antiche Terme per la 56esima stagione estiva di Ferento – “Tramonti in scena”, organizzata da Consorzio Teatro Tuscia con il sostegno del Comune di Viterbo, della Fondazione Carivit e dell’Ance di Viterbo e con la direzione artistica di Patrizia Natale.
Partendo dal famoso V canto dell’Inferno (Paolo e Francesca tra i lussuriosi), simbolo dell’amore peccaminoso e terreno, saranno rievocati anche gli episodi citati nella Divina Commedia riguardanti la Tuscia. In particolare l’odio e la vendetta che portò all’assassinio di Enrico di Cornovaglia durante la messa nella chiesa di San Silvestro a piazza del Gesù, nel cuore della Viterbo medievale, il 13 marzo 1271. Autori i fratelli Guido e Simone Montfort con la complicità del suocero di Guido, Aldobrandino degli Aldobrandeschi, signore di Sovana.
Verrà anche ricordato il particolare amore di Martino IV, papa francese del XIII secolo, per le anguille del lago di Bolsena. Il pontefice è collocato nel Purgatorio tra i golosi. A quanto pare morì a Perugia a seguito di una indigestione causata dalla pietanza che più prediligeva.
La parte conclusiva sarà dedicata all’amore assoluto celebrato in maniera sublime nel XXXIII canto del Paradiso (preghiera di san Bernardo alla Vergine e visione di Dio), concluso con il famoso verso “l’Amor che move il sole e l’altre stelle”. Il racconto è un omaggio a Dante nel 700° anniversario della morte del poeta ed è un evento realizzato in collaborazione con l’associazione culturale TusciaE20 e il Comitato Dante VII.
Giuseppe Rescifina conduce, commentando i versi tratti dal capolavoro dantesco, una rappresentazione con intermezzi musicali a cura di Giancarlo Necciari, direttore artistico di Jazz Up, e movimenti scenici di Alessandra Ragonesi.
Prima dello spettacolo, con inizio alle 18.30, è prevista una visita all’area archeologica dell’antica città di Ferento, a cura dell’associazione Archeotuscia di Viterbo.
FERENTO 2021 – 56esima STAGIONE TEATRALE ESTIVA – TRAMONTI IN SCENA
Organizzazione: Consorzio Teatro Tuscia
Direzione artistica: Patrizia Natale
www.teatroferento.it  / facebook: teatroferento
Prevendite online: www.ciaoticket.com
Prevendite a Viterbo: Underground e Ufficio turistico
Info spettacoli 393 9041725
Info biglietterie 328 7750233

Ultimi articoli

News 22 Ottobre 2021

“Con il naso all’insù”, il sindaco Arena alla scuola secondaria di primo grado L. Fantappié per congratularsi con gli alunni vincitori del progetto

“Con il naso all’insù”, il sindaco Giovanni Maria Arena ha fatto visita questa mattina alla scuola secondaria di primo grado “Luigi Fantappiè” per congratularsi personalmente con i ragazzi della 2^A, vincitori del primo premio overall della 14^ edizione del Concorso nazionale “Policultura 2021”, organizzato dal Politecnico di Milano.

News 22 Ottobre 2021

Regolamento valorizzazione attività agroalimentari tradizionali locali e istituzione De.c.o., approvazione unanime in consiglio comunale

Regolamento per la valorizzazione delle attività agroalimentari tradizionali locali e istituzione Denominazione comunale di origine (De.

News 22 Ottobre 2021

Le congratulazioni del sindaco Giovanni Maria Arena e dell’assessore ai rapporti con l’università Antonella Sberna per l’elezione del rettore Unitus Ubertini alla presidenza del CRUL

“Congratulazioni al rettore dell’Università degli studi della Tuscia Stefano Ubertini per l’unanime elezione alla presidenza del Comitato regionale di coordinamento delle Università del Lazio.

News 22 Ottobre 2021

Taglio pino marittimo via E. Viventi, restringimento carreggiata tratto tangenziale G. Almirante

Taglio di un pino marittimo a dimora in via E. Viventi, provvedimenti al traffico e alla sosta sulla stessa via e sulla tangenziale G.

torna all'inizio del contenuto